15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://harowo.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Piani di criptovaluta di Facebook per il prossimo anno: cosa aspettarsi?

Facebook ha rivelato i suoi piani a lungo attesi per lanciare la loro criptovaluta all’inizio del 2019. “Project Libra” è un nuovo tipo di valuta digitale progettata per renderla accessibile a miliardi di persone in tutto il mondo attraverso app e social network. L’annuncio iniziale suggeriva che il sistema di pagamento digitale sarebbe stato istituito in una dozzina di paesi entro il primo trimestre del 2020. 

Per la maggior parte del mondo, questo significherebbe un percorso facile per utilizzare le criptovalute e tutti i vantaggi che ne derivano. Ma dal punto di vista degli esperti economici globali, la Bilancia di Facebook spingerebbe il mondo a riconsiderare la supremazia del dollaro degli Stati Uniti come valuta di riferimento. 

Negli ultimi sviluppi, il 23 gennaio 2020, in occasione dell’annuale World Economic Forum, il panel su “Challenging the Dominance of Dollar” ha discusso di come la Bilancia abbia evocato una futura valuta digitale. Parafrasando Gopinath, un direttore del dipartimento di ricerca del FMI, Libra è uno dei principali fattori che avviano i cambiamenti nel sistema finanziario mondiale. Mentre il mondo sta valutando l’impatto della criptovaluta Bilancia di Facebook, adattiamo la nostra attenzione a come stanno andando le cose finora. 

La rete Libra 

Facebook sullo schermo del computer

Immagine tramite Unsplash.com

La missione Libra è nata come una criptovaluta globale e nativa digitale sviluppata su tecnologia blockchain. Gli utenti sarebbero in grado di utilizzare questa valuta digitale garantita da riserva per inviare, ricevere e proteggere i propri fondi attraverso un sistema finanziario globale più trasparente. Quelli con account su una qualsiasi delle piattaforme di Facebook come Messenger, Whatsapp e altri social network potrebbero utilizzare Libra ed effettuare transazioni con coloro che hanno questi account. Oltre a questo, la rete prevede anche di servire gli 1,7 miliardi di persone nel mondo che non hanno accesso ai servizi finanziari convenzionali. 

La notizia del lancio di Libra è uno dei potenziali sviluppi degni di nota nel mondo finanziario. I professori incoraggiano persino gli studenti a seguire la storia e conoscere le implicazioni della Bilancia nel mondo. Se gli studenti di studi finanziari hanno bisogno di aiuto, possono contattare i professionisti accademici all’indirizzo Essay Pro per ricevere note approfondite su documenti di ricerca finanziaria. È ora di essere a conoscenza delle ultime notizie, che potrebbero farti guadagnare dei crediti extra. 

Libra mira a promuovere un ecosistema dei suoi prodotti e servizi, facilitando il suo utilizzo e l’integrazione nella vita quotidiana. Sebbene Libra abbia molte caratteristiche di altre criptovalute come la tecnologia blockchain, la differenza significativa è che si basa su un’infrastruttura molto più ufficiale e centralizzata chiamata Libra Association, che lavora con il sostegno di altre importanti aziende. 

Cos’è la riserva della Bilancia? 

Secondo Facebook, una criptovaluta dovrebbe essere stabile, soggetta a bassa inflazione, riconosciuta in tutto il mondo e scambiabile per il suo valore. La valuta Bilancia è progettata e dovrebbe soddisfare tutti questi requisiti, con l’obiettivo di renderla disponibile a un nuovo sistema monetario in tutto il mondo. 

Facebook ha adottato il modello “stablecoin”, completo di un ecosistema e di un wallet chiamato Calibra, che verrà lanciato nel 2020. Offrono un modo più economico per trasferire fondi in tutto il mondo, evitando le spese bancarie ed evitando i controlli sui capitali. 

Il design della sua stabilità dipende da una riserva di beni reali, che Facebook chiama Libra Reserve. A differenza della maggior parte delle criptovalute esistenti, Libra funziona su una rete di scambio competitiva che governa l’acquisto e la vendita di Libra. Con questa riserva in atto, gli utenti di Libra ricevono la garanzia di poter convertire il loro denaro digitale in più valute legali locali a seconda del tasso di cambio, proprio come le valute vengono scambiate tra loro durante le vacanze. 

Analogamente a come altre valute tradizionali sono state introdotte nel sistema, anche Libra sarà supportata da asset reali. Nel caso di Libra, gli asset a bassa volatilità sosterrebbero la valuta come i titoli di stato in termini di denaro da banche rispettabili. Anche un paniere di valute, inclusi dollari USA, euro, yen giapponese, sterlina britannica e dollaro di Singapore, sosterrebbe la gamma di attività. 

Queste risorse rendono più facile acquisire e trattenere denaro digitale con pochi rischi e impediscono a Libra di affrontare la volatilità dei prezzi come Bitcoin. Poiché il sistema mantiene una riserva di Libra composta da valute e asset per ogni Libra creata, aiuta a creare fiducia nel valore fondamentale della valuta. Se il piano avrà successo, entro il 2020 il mondo assisterebbe a un cambiamento nel panorama delle criptovalute, con maggiore accessibilità e trasparenza. 

Cosa è previsto

1. Forza potente nei paesi in via di sviluppo 

Paese in via di sviluppo

Immagine tramite Unsplash.com

Libra dovrebbe essere la “stablecoin” globale, limitando la volatilità associata alle altre criptovalute. È interessante che il 70% delle piccole imprese nei paesi in via di sviluppo non abbia accesso al credito e che i lavoratori migranti perdano $ 25 miliardi ogni anno attraverso le commissioni di rimessa. Facebook intende attirare questi utenti offrendo l’alternativa per passare da valute locali instabili per transazioni internazionali.

2. L’Associazione Libra prenderà il sopravvento

Quando il progetto è stato lanciato, c’è stato un aumento delle speculazioni su come Facebook sarebbe diventato un enorme potere nei mercati dei capitali globali. Tuttavia, Mark Zuckerberg aveva promesso ai regolatori statunitensi che Facebook si sarebbe dimesso dal progetto. Doveva cedere il controllo governativo a un’agenzia esterna, la Libra Association, un consorzio con sede in Svizzera. Oggi, l’ente comprende aziende, organizzazioni senza scopo di lucro e molte istituzioni accademiche che collaborano per aiutare con la governance e la gestione della rete. 

L’associazione è stata annunciata nel gennaio 2020, formando un team di cinque membri per governare lo sviluppo in corso del progetto. Questi membri del nuovo “Comitato tecnico direttivo” sono responsabili della strategia a lungo termine e della gestione della riserva Libra. Deciderà inoltre quali progetti sociali sostenere per promuovere un’ulteriore inclusività finanziaria. Tuttavia, il nome di Facebook è strettamente legato a Libra. Se avrà successo, quasi certamente influenzerà il valore di mercato del gigante dei social media. 

3. Sviluppo della Libra Blockchain 

blockchain

Immagine tramite Unsplash.com

Il Libra White Book descrive in dettaglio i piani per il lancio di successo nei primi sei mesi del 2020. L’associazione sta attualmente sviluppando API e librerie per consentire agli utenti di interagire con il prototipo esistente. Il team prevede inoltre di ideare una struttura per l’ulteriore miglioramento della blockchain di Facebook. 

Anche la blockchain è stata sottoposta a test, insieme alla sua integrazione con entità di supporto come il portafoglio digitale e i servizi di scambio. Negli ultimi mesi, il team ha lavorato con le comunità per registrare le reazioni sul modello blockchain Libra per prepararlo al grande lancio. 

Facebook sembra essere ancora nella fase iniziale dello sviluppo della criptovaluta. Tuttavia, l’aspetto tecnico non è l’unica cosa che sta ritardando il rilascio. 

Quali sono le preoccupazioni?

Le autorità di regolamentazione in varie giurisdizioni in tutto il mondo hanno già espresso le loro preoccupazioni sulla sua attuazione. Più tardi, nel 2019, l’Unione europea ha voluto proporre nuove normative per le criptovalute. I funzionari prevedono che una valuta digitale come la Bilancia potrebbe avere effetti sistemici sulla stabilità economica dell’intera UE. 

Secondo quanto riferito, Facebook avrebbe anche incontrato funzionari della Banca d’Inghilterra e del Tesoro degli Stati Uniti per discutere le opportunità e i rischi dell’utilizzo della loro criptovaluta. 

La scala della Bilancia è un’altra cosa di cui i paesi sono preoccupati. I loro milioni di utenti in tutto il mondo sarebbero in grado di utilizzare questa valuta. Sebbene Facebook lo presenti come un risultato incoraggiante, i funzionari di regolamentazione del paese dell’utente potrebbero non accoglierlo con lo stesso entusiasmo. L’UE insiste sulle normative sulle criptovalute che si concentrano sulla difesa della stabilità finanziaria, sulla protezione dei consumatori e sull’affrontare i rischi di riciclaggio di denaro tra paesi utilizzando la criptovaluta. 

Molti paesi stanno già lavorando alle proprie valute virtuali per competere con Libra. La Svezia ne sta sviluppando uno da anni, mentre si dice che la Banque de France lancerà un Euro digitale sperimentale. La Fed americana e la Banca centrale cinese stanno anche guardando le valute digitali più da vicino con la minaccia incombente della criptovaluta di Facebook. 

Anche le banche centrali negli Stati Uniti e in Europa hanno espresso le loro opinioni contro la Bilancia, suggerendo che la valuta si tradurrebbe in un’economia grigia e ridurrebbe la trasparenza delle transazioni. Il presidente e ministro delle finanze della Svizzera Ueli Maurer si è fatto avanti dicendo che “le banche centrali non accetteranno il paniere di valute su cui si basa”. Fa l’affermazione audace che la Bilancia ha già “fallito”. 

Un altro grande ostacolo che Facebook deve esaminare è se il pubblico si fiderà abbastanza dei social network da utilizzarli per le transazioni. È anche estremamente importante aumentare la consapevolezza sulle criptovalute, sul loro impatto e sui vantaggi prima di lanciarlo. La maggior parte degli utenti target semplicemente non è abbastanza istruita su cosa sia la criptovaluta e su come funzionerebbe. Inoltre, la mancanza di governance centralizzata e la preoccupazione per le questioni di sicurezza devono essere risolte prima di introdurle nei mercati dei paesi in via di sviluppo. 

C’è anche un’altra opinione che Libra non rientri nella categoria delle “criptovalute”. Ha solo la stessa struttura del database, mentre la valuta funzionerebbe in modo simile a un fondo negoziato in borsa (ETF), solo senza un prezzo quotato sul mercato azionario. Ciò eliminerebbe ulteriormente tutti i vantaggi che Facebook sostiene che la sua criptovaluta otterrebbe.  

L’annuncio di Libra ha aperto il vaso di Pandora, con i precedenti numeri di raccolta dati e di contenuti mirati che riaffiorano. Dal momento che Facebook non è riuscito a fornire una guida diretta su Libra, Zuckerberg è stato costretto a fare coming out e assicurare a tutti che non ci sarebbe stata la raccolta dei dati sulle transazioni. 

Con l’avanzare dell’anno, la Bilancia sembra dover affrontare una nuova ondata di dubbi. 

Dove si trova la Bilancia adesso

Prospettive di Facebook

Immagine tramite Unsplash.com

Non è la prima volta che Facebook si trova in difficoltà quando si tratta di valute virtuali. Un decennio fa, nel 2009, si chiamava un’altra valuta digitale Crediti Facebook è stato implementato per consentire alle persone di acquistare articoli sui siti di social networking. Era disponibile in 15 valute in tutto il mondo. Tuttavia, il progetto non è riuscito a prendere piede ed è stato poi chiuso meno di due anni dopo. 

Quando il lancio di Libra è stato reso pubblico, l’elenco dei sostenitori includeva molte aziende di spicco chiamate membri fondatori e incaricate di rafforzare il profilo pubblico di Libra. Al momento della firma, i 27 grandi partecipanti si erano già ridotti di numero. PayPal, Visa e MasterCard si sono già ritirati. Anche la società tecnologica californiana, Stripe, ha rifiutato di partecipare affermando che Libra ha del potenziale e che sarebbe aperta alla collaborazione nelle fasi successive. 

Successivamente, il sito di viaggi Booking.com, Mercado Pago e il sito di aste online eBay hanno lasciato il team. Nel gennaio 2020, Vodafone ha anche abbandonato l’Associazione Libra. Con questo gruppo di membri molto ridotto, la missione Libra potrebbe non essere ben accolta né negli ambienti finanziari né dai regolatori. 

Sebbene il piano iniziale fosse quello di rilasciare la valuta digitale nella prima metà del 2020, finora, c’è poca o nessuna chiarezza su quali sarebbero i regolamenti o come sarebbe stato eseguito il lancio. 

Cosa aspettarsi nel 2020

Indipendentemente dal contraccolpo, il team di Facebook sembra ancora abbastanza fiducioso del proprio progetto di criptovaluta. Secondo David Marcus, il capo dell’unità Facebook Messenger, il progetto Libra continuerà a rimanere fedele al suo scopo originale, offrire un gateway per i non bancari e costruire un nuovo protocollo per interrompere il modo in cui il denaro viene gestito in tutto il mondo. 

Nel frattempo, l’Associazione Libra sta ancora raccogliendo nuovi partner, senza una tempistica rigida o informazioni esplicite su chi diventerebbe produttore di blocchi. Una volta lanciata, la criptovaluta verrebbe utilizzata all’interno dell’ecosistema di Facebook, con il potenziale per raggiungere milioni di persone senza accesso alle strutture bancarie nel mondo. 

Facebook e l’Associazione Libra devono superare diversi ostacoli normativi prima ancora di tentare di lanciare la valuta. Seguiranno quindi le preoccupazioni per la frode e il riciclaggio di denaro. Ciò è particolarmente necessario per il lancio nei paesi in via di sviluppo come l’India, che è l’obiettivo principale per il mercato della Bilancia. Con questi paesi che hanno intrapreso un approccio ostile nei confronti delle criptovalute negli ultimi anni, sarà fondamentale eliminare gli ostacoli normativi. 

Al momento è impossibile dire se il lancio avverrà come previsto nel 2020. Il progetto sembra ancora essere vago e l’accettazione da parte delle autorità di regolamentazione è ancora in discussione. La questione principale è l’accettazione, non solo da parte del pubblico ma anche degli organismi di regolamentazione. 

L’opinione diffusa è che Facebook sia saltato sul carro della blockchain senza un’adeguata pianificazione e abbia sicuramente macchiato la reputazione dell’azienda. La domanda su quando verrà lanciato Libra non troverà certamente risposta nell’immediato futuro. 

Previous Post
Análise da carteira EOS Rio: a melhor carteira para a Mainnet?
Next Post
Най-добрите Blockchain курсове и сертификати