15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://harowo.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Il regolamento sulla criptovaluta in Colombia significa disastro

La Colombia si regola contro Bitcoin

La banca centrale della Colombia – El Banco de la República – ha rilasciato un documento che descrive in dettaglio i vincoli legali di utilizzo, scambio e detenzione di bitcoin o altre criptovalute in Colombia. Sulla scia di una posizione sempre più obsoleta – in esame ora anche in Cina e Russia, che inizialmente erano contrarie al bitcoin – dichiara che le criptovalute fondamentalmente non hanno corso legale in Colombia e non possono essere vendute o acquistate legalmente all’interno del suo territorio. Ciò costituisce una visione molto ristretta di cosa sono le criptovalute e della molteplicità di ruoli che possono svolgere nell’economia del 21 ° secolo. La dichiarazione ufficiale della banca rivela anche alcune idee sbagliate piuttosto imbarazzanti sui fondamentali valutari, ma soprattutto significa disastro per la Colombia, i suoi cittadini e la sua economia.

Dichiarazione ufficiale della banca

I punti di base stabiliti da questa dichiarazione online, denominata JDS 14696, sono i seguenti:

  • Le criptovalute non sono considerate appartenenti, concettualmente, ad altre valute poiché non sono supportate da alcun governo e quindi mancano di valore intrinseco.
  • È illegale acquistare o vendere criptovalute in Colombia – almeno “formalmente illegali” – né possono essere acquistate o vendute legalmente da un residente in Colombia se l’acquisto o la vendita avvengono all’estero, a meno che le attività rimangano all’estero e l’acquisto o la vendita è fatto nel quadro giuridico del paese ospitante.
  • L’unica “unità monetaria” – valuta – in Colombia è il Peso colombiano – COP – emesso da El Banco de la República.
  • Bitcoin non è una valuta in Colombia e nessuno è obbligato ad accettarla come mezzo di scambio per saldare debiti o altri obblighi finanziari.
  • Poiché il bitcoin non è una valuta in Colombia, non può essere utilizzato legalmente secondo le norme e i regolamenti che disciplinano i servizi di cambio..

El Banco de la República e la sua follia concettuale

È chiaro che le criptovalute significano cose diverse per persone diverse. Bitcoin, ad esempio, si comporta certamente in un modo molto diverso rispetto a qualsiasi valuta fiat – tradizionale -, quindi molti la considerano una merce, ad esempio. La banca centrale della Colombia non contempla nemmeno la possibilità di farlo, scegliendo invece di escluderla dall’economia inquadrandola negativamente e basando le sue affermazioni su un rapporto del FMI.

In questo quadro negativo, la banca incorre anche in significativi errori concettuali. Descrivere le criptovalute come attività prive di valore intrinseco è almeno discutibile se non addirittura erroneo. Il valore intrinseco deriva dalla percezione sottostante del valore, da fattori sia tangibili che intangibili – per parafrasare Investopedia. In quanto tale, non c’è più valore intrinseco in una banconota da $ 50.000 in Peso, rispetto a 1 BTC. In effetti, i puristi sosterranno che il bitcoin ha più valore intrinseco di una valuta devastata da un’inflazione elevata, che ha visto il suo valore diminuire di oltre il 50% negli ultimi 2 anni.

Grafico Peso colombiano USDQuesto grafico mostra chiaramente quanto sia volatile il peso colombiano. Il peso colombiano è circa cinque volte meno prezioso oggi rispetto a 20 anni fa in termini di dollari USA. Anche il bitcoin è un asset molto volatile, ma generalmente ha guadagnato valore rispetto all’USD. Attualmente conserva circa il 50% del suo valore massimo in termini di dollari USA. Ciò mostra chiaramente che la regolamentazione sui bitcoin stabilita dalla banca centrale della Colombia non serve necessariamente gli interessi dei cittadini colombiani. Grafico per gentile concessione di tradingeconomics.com

Il fatto stesso che il bitcoin si basi sulla tecnologia blockchain, che ne rende quasi impossibile la contraffazione, conferisce alla criptovaluta un valore intrinseco che non può essere eguagliato dal peso colombiano o da qualsiasi altra valuta tradizionale. La mancanza di chiarezza concettuale della banca traspare dalla sua mancanza di competenza per affrontare i concetti di base che domineranno l’economia del 21 ° secolo. Anche il peso colombiano potrebbe un giorno essere emesso e controllato attraverso la tecnologia blockchain e diventare digitale al 100%.

Oltre a ciò, consentire alle persone che risiedono in Colombia di acquistare criptovalute tramite intermediari stranieri ma non localmente, è controproducente. Le criptovalute risiedono in Internet, che non ha confini. Pertanto consentire a qualcuno di acquistarli e conservarli secondo le leggi e i regolamenti di altri paesi è inutile perché possono facilmente spostarli “in” Colombia con un solo clic.

La mancanza di razionalità in questa affermazione va anche oltre. La regolamentazione colombiana consente ai servizi di cambio di valuta estera di acquistare o vendere valuta estera fintanto che è sostenuta da una banca centrale altrove. Vieta la vendita o l’acquisto di criptovalute sostenendo che sono pericolose perché non sono sostenute da una banca centrale, tentando così di sostenere che in tal modo protegge i colombiani da rischi indebiti. Ciò significa che in Colombia sarebbe legale acquistare e vendere Bolivar venezuelani ma non bitcoin. Le autorità di regolamentazione preferirebbero proteggere i colombiani consentendo loro di acquistare una valuta estera che valga meno della carta su cui è stampata, piuttosto che metterli in pericolo consentendo un acquisto e una vendita regolamentati di un bene digitale che si è dimostrato più resistente.

La Colombia prende le distanze dalla FinTech e dall’economia del futuro

Attraverso la sua follia concettuale e il rifiuto delle criptovalute, la banca centrale della Colombia sta effettivamente privando i cittadini colombiani dalla partecipazione libera all’economia del futuro e non riesce a proteggere i loro interessi. Con lo sviluppo di reti come Ethereum e Steemit, le criptovalute sono ora andate oltre il loro ruolo iniziale di mezzo di scambio P2P. Rifiutarli tutti attraverso un quadro normativo negativo impedirà ai cervelli colombiani di sviluppare Dapps, progetti degni di ICO e partecipare alla rivoluzione FinTech, almeno fintanto che rimangono o mantengono i loro progetti in Colombia. Ciò potrebbe aggravare il peso di un problema già acuto di “fuga di cervelli” che persiste nel paese sudamericano.

L’inclusione economica è anche una vittima della Banca centrale della Colombia

Inoltre, il ruolo delle criptovalute come il bitcoin può andare ben oltre le pure transazioni P2P. Bitcoin, in particolare, potrebbe essere utilizzato per fornire servizi bancari a tutti coloro che non vi hanno accesso. La Colombia ha un disperato bisogno di aumentare la copertura dei servizi finanziari e ridurre i costi bancari. Secondo il documento di lavoro politico 3834 della Banca mondiale del 2006, ben il 61% della popolazione del paese non aveva accesso a un conto bancario. Anche se questo numero è notevolmente inferiore oggi, milioni di colombiani appartengono ancora ai ranghi degli “unbanked”. Bitcoin può aiutare a cambiare quella situazione e può anche ridurre i costi bancari per le persone che ne hanno più bisogno. Tenere bitcoin fuori dalla Colombia limiterà solo gli strumenti disponibili per combattere le calamità dell’esclusione economica e della concentrazione della ricchezza.

Dipende dai colombiani

Questa terribile situazione che deriva dalla mancanza di comprensione delle criptovalute, della tecnologia finanziaria e dei fondamentali economici nel 21 ° secolo, può cambiare se la società civile in Colombia esercita pressioni sui funzionari eletti. In Russia e Cina, che inizialmente si opponevano a bitcoin e altre criptovalute, il sistema non consente alla società civile di esercitare pressioni sul governo affinché cambi la sua posizione. Tuttavia, in entrambi i paesi, le banche centrali sono lentamente tornate indietro dal loro rifiuto iniziale delle criptovalute. Lo stesso potrebbe accadere in Colombia, alla fine, ma se le persone lasciano che la questione faccia il suo corso senza esprimere la loro opinione, quando le normative cambieranno, il paese sarà anni luce indietro rispetto ai suoi pari globali..

Clicca qui per leggere la dichiarazione ufficiale della banca centrale della Colombia.

Clicca qui leggere il documento di lavoro politico della Banca mondiale citato sopra.

Aggiornare

Il 2 ottobre 2016, un referendum per ratificare un accordo di pace tra il governo colombiano e la guerriglia delle FARC, è stato sconfitto con un margine molto ristretto. Con il rigetto dell’accordo di pace – firmato da entrambe le parti il ​​26 settembre 2016 – non esiste ufficialmente un quadro giuridico entro il quale l’accordo di pace possa essere attuato. Vi è ora un alto grado di incertezza in termini di ciò che accadrà dopo, il che ha il potenziale per spaventare gli investitori stranieri. Di conseguenza, il peso colombiano potrebbe indebolirsi ulteriormente rispetto all’USD, rendendo ancora più forte il caso del bitcoin come uno degli strumenti che i colombiani potrebbero utilizzare per combattere il deprezzamento..

Previous Post
Bitcoin Cash Fork e o paradoxo de Newcomb
Next Post
Основните характеристики на онлайн казино софтуера