15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://harowo.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Il Consumer Financial Protection Bureau dovrebbe essere più coinvolto con Bitcoin, afferma il rapporto del governo.

Il Consumer Financial Protection Bureau (CFPB), un’agenzia governativa statunitense indipendente responsabile della protezione dei consumatori nel settore finanziario, è stato recentemente richiesto da un’altra agenzia governativa di diventare più attivo nello sviluppo di politiche sulla valuta virtuale.

La richiesta è stata fatta in un maggio riservato rapporto pubblicato questa settimana dal Government Accountability Office (GAO), che è il braccio investigativo del Congresso, ha detto Bloomberg. Il nuovo rapporto fornisce una panoramica dei vari sforzi relativi a Bitcoin da parte del governo federale e restringe la sua attenzione sulla mancanza di coinvolgimento della CFPB.

“I gruppi di lavoro federali interagenzia che affrontano le questioni relative alla valuta virtuale non si sono concentrati sulla protezione dei consumatori e CFPB generalmente non ha partecipato a questi gruppi”, ha affermato il rapporto, intitolato “Valute virtuali: sfide normative emergenti, forze dell’ordine e protezione dei consumatori”.

A causa di incidenti che hanno comportato l’uso di valute virtuali per scopi illeciti, finora, il riciclaggio di denaro e altre questioni di applicazione della legge sono state le preoccupazioni principali.

“I rischi emergenti per i consumatori indicano che gli sforzi di collaborazione tra agenzie potrebbero dover porre maggiore enfasi sulle questioni di protezione dei consumatori al fine di affrontare l’intera gamma di sfide poste dalle valute virtuali”, aggiungendo che “senza la partecipazione di CFPB, i gruppi di lavoro tra agenzie non stanno sfruttando appieno le competenze dell’agenzia principale per la protezione finanziaria dei consumatori e CFPB potrebbe non ricevere informazioni che potrebbe utilizzare per valutare i rischi che le valute virtuali rappresentano per i consumatori “.

Il GAO cita la recente “perdita o furto di bitcoin da scambi e portafogli virtuali e avvisi per i consumatori emessi da entità non federali e non statunitensi” come ragioni per cui sono necessari sforzi di collaborazione tra agenzie che coinvolgono il CFPB per affrontare i problemi di protezione dei consumatori.

Le raccomandazioni per l’azione esecutiva sono le seguenti: “Per aiutare a garantire che la collaborazione tra agenzie federali sulle valute virtuali affronti i problemi emergenti di protezione dei consumatori, raccomandiamo che il Direttore del CFPB (1) identifichi quali gruppi di lavoro interagenzia potrebbero aiutare il CFPB a mantenere la consapevolezza di questi problemi o beneficiare della partecipazione di CFPB; e (2) decidere, in coordinamento con le agenzie che già partecipano a questi sforzi, a quali CFPB dovrebbe partecipare “.

Il GAO ha anche sollevato domande su quanti utenti di valuta virtuale potrebbero essere considerati investitori speculativi e quanti sono i consumatori ordinari. A febbraio 2014, solo 14 dei 290.000 reclami nel database CFPB menzionavano la valuta virtuale o Bitcoin.

Bloomberg segnalato che William Wade-Gery, assistente direttore del CFPB per i mercati delle carte e dei pagamenti, ha scritto in una lettera del 6 maggio al GAO: “Non vediamo l’ora di aumentare il nostro coinvolgimento nei gruppi di lavoro formali mentre si impegnano su questioni specifiche relative ai consumatori protezione.”

Nella lettera, Wade-Gery ha affermato che il CFPB sta consultando vari regolatori statali e federali, nonché accademici e membri dell’industria Bitcoin.

Secondo Bloomberg, il senatore Tom Carper “ha cercato il rapporto per chiarire cosa sta facendo il governo degli Stati Uniti per costruire un quadro giuridico per le valute digitali che oltrepassano i confini normativi”.

Carper ha dichiarato in una e-mail che “il rapporto del GAO sottolinea l’importanza che tutti i settori – forze dell’ordine, industria, autorità di regolamentazione competenti e agenzie per la protezione dei consumatori – debbano venire al tavolo e impegnarsi in un dialogo significativo per fornire regole chiare della strada per gli imprenditori , investitori e consumatori allo stesso modo “.

Anche Jim Harper della Bitcoin Foundation ha raccolto il rapporto oggi, a cui ha dedicato un post sul blog.

“Penso che sia un po ‘prematuro lamentare il non coinvolgimento di CFPB, però. Il rapporto fissa il valore totale di tutti i Bitcoin a $ 5,6 miliardi, rispetto a $ 2,7 trilioni in valuta statunitense presso gli istituti di deposito, e cita tassi di transazione Bitcoin che vanno da 29.000 a 102.000 al giorno. La Federal Reserve ha elaborato 44 milioni di transazioni ACH al giorno nel 2013. Bitcoin non è dove si trova l’azione di protezione dei consumatori “.

Harper ha aggiunto che le due agenzie federali che mancano davvero nella scena Bitcoin sono il Dipartimento del Commercio e il Dipartimento di Stato, a causa del potenziale di Bitcoin di stimolare la crescita economica, creare nuovi posti di lavoro e guidare l’innovazione.

“I risultati che la comunità Bitcoin cerca in generale includono l’inclusione finanziaria globale, una maggiore libertà e dignità umana in tutto il mondo, una maggiore privacy finanziaria per le persone rispettose della legge e un’offerta stabile di moneta nei paesi in cui la valuta è gestita male. Commercio e Stato lavorano entrambi per promuovere questi e simili valori e per aumentare il commercio, la pace, la prosperità e la sicurezza “.

Previous Post
Programas
Next Post
Crypto.com Exchange Преглед и урок: Ръководство за начинаещи