15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://harowo.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Stato di Bitcoin a Hong Kong: presidente della BAHK

“State of Bitcoin in Hong Kong” è una serie di interviste con alcuni dei membri più importanti della comunità Bitcoin di Hong Kong. Questa serie di interviste fornirà una panoramica sullo stato attuale di Bitcoin a Hong Kong, le sue potenziali applicazioni e le startup che innovano per trovare più usi per Bitcoin a Hong Kong.

Questa è la prima intervista di questa serie, e Leonhard Wesse, Presidente dell’Associazione Bitcoin di Hong Kong, inizierà dandoci una breve panoramica sullo stato di Bitcoin a Hong Kong..

Puoi spiegare brevemente il tuo coinvolgimento in Bitcoin?

Ho comprato il mio primo Bitcoin nel 2012 con il mio primo stipendio dal mio primo lavoro. Ne ero piuttosto entusiasta, ma non sapevo cosa farne. Ho cercato di trovare altri interessati e ho iniziato rapidamente a organizzare meetup e contattare altri bitcoiners a Hong Kong e all’estero.

Questo impegno è ora cresciuto nella Bitcoin Association di Hong Kong, di cui sono presidente.

Lavoro anche per Monetago, uno scambio globale di Bitcoin. Sto cercando di portare i loro servizi a Hong Kong e da qui in Asia.

Come sei venuto a conoscenza per la prima volta di bitcoin?

Ne ho sentito parlare per la prima volta al college, credo fosse il 2011 quando stavo ricercando teorie sul free banking per i miei corsi di economia. Ma non riuscivo nemmeno a far funzionare il software del portafoglio sul mio computer, quindi ho rinunciato.

Qual è stata la tua prima reazione quando l’hai letto per la prima volta?

La teoria del free banking è piuttosto complicata e richiede un po ‘di immaginazione per credere che funzioni. Bitcoin era fondamentalmente diverso, risolveva un paio di vecchi problemi economici in un modo molto ordinato e pratico.

Le implicazioni informatiche di questa invenzione le ho comprese solo molto più tardi.

Il bitcoin ha influenzato il tuo stile di vita? Se é cosi, come?

Ora vengo pagato in Bitcoin, quindi sono una di quelle persone fastidiose che vanno in giro a implorare tutti di accettarlo. All’improvviso molti acquisti quotidiani diventano esperimenti, così come lo scambio di bitcoin con denaro. Ma è abbastanza divertente!

Come e perché è stata costituita la Bitcoin Association di Hong Kong?

Abbiamo semplicemente superato i nostri piccoli meetup nei bar. Avevamo bisogno di coordinamento e organizzazione, ed ero disposto a farlo. Ora fungiamo da punto di contatto per molti di coloro che arrivano a Hong Kong, come viaggiatori d’affari e ospiti di conferenze, ma anche i media.

Quali promozioni ha fatto la Bitcoin Association di Hong Kong per Bitcoin? Credi che siano stati efficaci?

In questo momento stiamo organizzando la “Tuspark Bitcoin Lecture Series”, cinque settimane di conferenze, pannelli e workshop. Credo che sia stato abbastanza efficace, soprattutto perché siamo stati in grado di raggiungere le persone al di fuori della nostra comunità. Un altro esempio è Hackcoin, un Hackathon che abbiamo tenuto a maggio. Era piuttosto piccolo, ma molto divertente ed è un’ottima vetrina per le molte idee e ispirazioni che le persone hanno intorno a Bitcoin.

Potresti approfondire cos’è la “Tuspark Bitcoin Lecture Series” e dove il pubblico potrebbe saperne di più?

https://www.bitcoinhk.org/2015-tuspark-bitcoin-lecture-series/

Tuspark sta per “Tsinghua University Science Park”, è una società di proprietà di Tsinghua che costruisce parchi aziendali per l’industria tecnologica in tutto il mondo. Ci hanno aiutato molto nel fornirci un luogo e nel raggiungere le persone. Abbiamo iniziato con una lezione su Bitcoin, poi abbiamo tenuto un altro seminario su come scaricare un portafoglio. Abbiamo inviato a tutti dei Bitcoin. Si è parlato anche di Smart Contracts, un pannello sul regolamento e questo martedì avremo un pannello sulle startup Bitcoin.

Quali sono i piani e gli obiettivi futuri della Bitcoin Association di Hong Kong?

Fai di più di ciò che già facciamo e fallo meglio. Vogliamo educare soprattutto le banche in questo momento, devono capire che Bitcoin è una tecnologia utile che dovrebbero abbracciare. Alla fine anche il governo vorrà legiferare su questo, vogliamo essere pronti anche per le loro domande.

Hong Kong è uno dei pochi posti al mondo in cui una grande percentuale della popolazione utilizza pagamenti elettronici per quasi tutte le proprie transazioni (The Octopus Card). Credi che Bitcoin potrebbe competere con quello, a Hong Kong?

Bitcoin non può competere con la carta Octopus. La carta del polpo è incredibilmente veloce e conveniente. Ma possono facilmente complimentarsi a vicenda. Credo persino che con Bitcoin la carta Octopus possa diventare ancora più popolare e raggiungere aree che non ha ancora raggiunto, come taxi o negozi di proprietà indipendente. Immagina Bitcoin come un metodo semplice per finanziare e defundare carte e terminali Octopus, fornendo liquidità più rapida ai negozi e un accesso più facile.

Hai pensato a qualche applicazione pratica per Bitcoin a Hong Kong?

I pagamenti online sono un grosso problema per le aziende di Hong Kong. Pagano tra il 4-8% in commissioni su carta di credito / paypal e rende sempre più difficile per loro competere. Hong Kong è costruita sul commercio, lo è sempre stata e probabilmente lo sarà ancora per molto tempo. Oggi, se invii una spedizione in Sud Asia o in Africa, la spedizione sarà più veloce del pagamento corrispondente. È oltraggioso! Bitcoin aiuterà a risolverlo. Ma anche se il futuro di Hong Kong non dovesse risiedere nel commercio, probabilmente non andremo in giro a reinventare il nostro centro finanziario come centro tecnologico finanziario, e Bitcoin sarà una parte importante di questo.

Perché pensi che questo servizio non esista ancora? Sarebbe una mancanza di fondi o qualcosa di simile?

Servizi come Bitpay e Coinbase che offrono l’elaborazione dei pagamenti a un costo quasi zero, non possono espandersi facilmente a Hong Kong perché non riescono a trovare conti bancari qui. È un vero peccato, ma sono fiducioso che alla fine lo supereremo. Ma anche senza tali servizi, le startup di Hong Kong abbracciano ancora Bitcoin e, poiché le commissioni sono così enormi, sono disposte a sopportare alcune seccature e costi per accettare Bitcoin e convertirlo nella loro valuta preferita. Ma ancora meglio, diventano più creativi e trovano molti casi d’uso per Bitcoin che non troveranno se si convertissero semplicemente in HKD.

Infine, quali sono le tue aspettative per il futuro di Bitcoin, per quanto riguarda le sue applicazioni e normative?

Hm, è davvero difficile da prevedere. Sono fiducioso che Bitcoin sarà molto più grande di quanto pensiamo che sarà, e molte applicazioni e immaginazioni sono ancora un po ‘limitate ai pagamenti. È come dire che Internet sarà solo siti web ed email. Si è rivelato essere molto di più ed è del tutto possibile che Bitcoin sarà più grande di Internet, in termini di valore che ci offre.

Dobbiamo stare attenti a non strangolarlo con la regolamentazione, ma una cattiva regolamentazione, proprio come con Internet, sarà in gran parte fastidiosa, non fermando effettivamente la diffusione di informazioni libere e aperte.

Grazie mille per questa opportunità di intervistarti. Sono sicuro che il pubblico apprezzerebbe questa visione dello stato attuale di Bitcoin a Hong Kong.

Nessun problema. È bello parlare con te.

Previous Post
Guia do software SoftGamings
Next Post
Федералният резерв на Бостън публикува статии за биткойни