15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://harowo.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

L’altro lato del Coin Trail

Nessun Bitcoin Trail

La storia non raccontata della scia di Bitcoin come dimostrano i dati raccolti sull’acquisto di monete dagli scambi di tutto il mondo, è abbastanza chiara. La vistosa assenza di acquisizione di Bitcoin nel “sud globale” può servire a raccontare una storia che il mondo conosce. Le nazioni meno sviluppate vengono in gran parte escluse dalla rivoluzione finanziaria di questo secolo, e questo va oltre lo stesso Bitcoin. Le tracce di Bitcoin, la sua adozione, il suo utilizzo, espongono le società alla potente tecnologia sottostante, la blockchain. Senza questa esposizione, senza la possibilità di utilizzare la tecnologia per sviluppare ulteriormente le economie locali e le istituzioni finanziarie, la scia di Bitcoin potrebbe lasciare la terra bruciata nei paesi in cui non attraversa. Questi paesi, ironia della sorte, hanno molti frutti politici a bassa quota che possono invertire la tendenza e non ne stanno approfittando.

Esposizione zero, esposizione e concentrazione limitate

Ci sono tuttavia alcuni piccoli avvertimenti che devono essere presi in considerazione. I dati mostrano che la concentrazione di Bitcoin è scarsa o inesistente in Africa, Sud America, Asia centrale e Sud-est asiatico (esclusi Cina e Singapore). Mostra anche che gli acquisti di Bitcoin sono relativamente alti in e intorno ad alcuni dei grandi centri urbani.

I dati mostrano, ad esempio, una maggiore concentrazione nell’area di Buenos Aires (Argentina) rispetto a qualsiasi altra città del Giappone. Ciò potrebbe evidenziare problemi con l’affidabilità dei dati o potrebbe essere assolutamente vero. Poiché i dati non forniscono informazioni sull’estrazione e il commercio, potrebbe essere che luoghi come il Giappone ottengano la maggior parte delle loro monete attraverso l’estrazione e il commercio anziché gli scambi di Bitcoin. I bassi volumi di Bitcoin in Giappone potrebbero anche essere dovuti alla debacle del Mt Gox con sede a Tokyo.

Un altro fattore da considerare è che le fonti di informazione, gli scambi di Bitcoin, potrebbero essere molto meno comuni in questi paesi che in Europa e Nord America. Ciò è dovuto, tra le altre ragioni, alla mancanza di una regolamentazione favorevole in questi paesi. Gli organismi di regolamentazione e i tribunali sia dell’UE che degli Stati Uniti hanno in qualche modo delineato un quadro all’interno del quale il commercio di Bitcoin può diventare mainstream. Pertanto non sorprende vedere alte concentrazioni di Bitcoin sia negli Stati Uniti che in Europa. Questo dovrebbe essere l’obiettivo dei paesi del “sud globale”, supponendo che i dati presentino un caso per considerare l’impatto di questi strumenti politici.

Secondo Bitcoin Trail Data

Supponendo che i dati siano accurati, ci sono anche fenomeni intra-nazionali che stanno concentrando il flusso di Bitcoin in molti di questi paesi, nei loro principali centri urbani. Ciò potrebbe rivelarsi svantaggioso tanto quanto la maggiore concentrazione di Bitcoin in Europa e Nord America rispetto al “sud globale”. Potrebbe anche essere solo un altro segno della mancanza di sviluppo economico di cui soffrono questi paesi.

Bitcoin Trail AfricaQuesta mappa mostra la bassa concentrazione di Bitcoin in Africa e Medio Oriente rispetto all’Europa. Alte concentrazioni sono dentro e intorno ai grandi centri urbani in Sud Africa. Fonte: bitcoinglobe.com

Queste immagini potrebbero essere interpretate per mostrare la mancanza di accesso a Internet nelle zone rurali. Questo potrebbe essere vero, ma è un’ipotesi che suona troppo generale. La prova è la mancanza di concentrazione di Bitcoin intorno ai grandi centri urbani del Nord Africa, rispetto al Sud Africa. È possibile vedere che quasi nessun Bitcoin viene scambiato al Cairo e in altri importanti centri urbani del Nord Africa. Ciò indica l’importanza della regolamentazione e forse dell’instabilità, sebbene l’instabilità potrebbe alimentare la tendenza opposta: investimenti consistenti in Bitcoin.

Bitcoin Trail AmericasIl Sud e Centro America hanno modelli di concentrazione simili a quelli dell’Africa. Fonte: bitcoinglobe.com

Forse il confronto della situazione in Nord Africa con altre regioni che hanno vuoti politici o normativi simili ma più stabilità politica, può contribuire alla valutazione della situazione. I dati mostrano che i luoghi con tassi di stabilità politica molto più alti ma vuoti politici simili, non hanno necessariamente una maggiore concentrazione di Bitcoin nel loro territorio. La stabilità politica o la sua mancanza potrebbe non essere un fattore importante nell’acquisizione di Bitcoin.

S.E. Asia Bitcoin TrailIl Sud-est asiatico mostra un andamento simile, anche se potrebbe essere meno pronunciato. Sarebbe ancora così se si tenesse conto della densità di popolazione? Fonte: bitcoinglobe.com

Anche gli argomenti a sostegno della tesi politica o del vuoto normativo possono essere generali. Alcune di queste aree soffrono complessivamente della mancanza di copertura del servizio bancario. Ciò significa che anche se ci fosse abbastanza accesso a Internet e un quadro normativo, le persone non sarebbero comunque in grado di partecipare all’economia Bitcoin poiché non sarebbero in grado di effettuare un trasferimento di denaro per acquistare Bitcoin. In definitiva, la barriera all’adesione all’economia Bitcoin in un numero significativo di questi esempi, potrebbero essere le stesse istituzioni che Bitcoin ha cercato di sostituire: le banche.

Accesso a Bitcoin

La copertura del servizio bancario non è una condizione che interessa tutti questi paesi o tutti i territori al loro interno. Per le persone che hanno accesso al settore bancario, la mancanza di chiarezza potrebbe trattenerle. Considerazioni culturali a parte, non c’è dubbio che gli organismi di regolamentazione, i governi e il sistema giudiziario in questi paesi dovrebbero svolgere un ruolo più proattivo. Una volta fatto, il tasso di acquisizione di Bitcoin potrebbe accelerare in questi territori e porterà vantaggi.

Lo svantaggio principale di un aumento del flusso di Bitcoin in queste aree sarebbe il deflusso di denaro verso gli scambi che si trovano nel mondo sviluppato. La partecipazione all’economia Bitcoin può avvenire a scapito del deflusso di capitale iniziale. Tuttavia, i vantaggi della partecipazione all’economia Bitcoin dovrebbero superare i costi in termini di deflussi di capitali dai paesi del “sud globale”.

Pensieri finali

L’esposizione a Bitcoin e alla sua tecnologia blockchain sottostante ha il potenziale per stimolare una crescita guidata dalla tecnologia in numerosi settori. I paesi dovrebbero sforzarsi di entrare nel regno di Bitcoin attraverso leggi, regolamenti e politiche che proteggeranno i suoi cittadini dagli eccessi e stabiliranno un quadro chiaro per l’uso di Bitcoin e blockchain.

Nell’era dell’iperconnettività, questa può essere un’occasione d’oro per portare più sviluppo economico nelle aree del mondo che ne hanno più bisogno. L’azione necessaria è la legalizzazione e la regolamentazione dell’uso di Bitcoin. La CFTC e la Corte di giustizia delle Comunità europee hanno regolamentato e regolamentato l’uso e la tassazione di Bitcoin. Questo è probabilmente il fattore che ha aiutato Bitcoin a diventare più mainstream negli Stati Uniti e in Europa. A questo proposito, il “sud globale” ha il vantaggio di prendere in considerazione le lezioni che altri paesi hanno appreso dai loro esperimenti con Bitcoin, per progettare una politica migliore. È tempo che agiscano.

Previous Post
Bitcoin Cash Fork e o paradoxo de Newcomb
Next Post
Основните характеристики на онлайн казино софтуера