15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://harowo.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Architettura finanziaria internazionale e Bitcoin Parte 3: Crollo delle istituzioni internazionali

Nel contesto degli incontri primaverili della Banca Mondiale / FMI, blockchain e criptovaluta sono stati inclusi come argomenti di discussione nel 2018 e nel 2019. Questa serie in 3 parti cerca di contestualizzare questo evento dando uno sguardo indietro a come sono nate queste istituzioni finanziarie ( parte 1), come parlano di criptovaluta (parte 2) e riflettono su dove potrebbe andare il futuro (parte 3).

Mentre le istituzioni di Bretton Woods restano indietro rispetto alla curva tecnologica, è il cambiamento sociale che sta creando attrito tra Bitcoin e decentralizzazione e l’ordine del vecchio mondo. Mentre la Banca Mondiale e il FMI si attengono alla classica infrastruttura finanziaria che ha portato al collasso economico del 2008-09 e discussioni private sulla natura dirompente di Bitcoin, le persone nella sfera delle criptovalute stanno discutendo pubblicamente su come invenzioni come Bitcoin ci districheranno dal caos che il mondo fiat ha creato.

La Banca Mondiale e il FMI sono eredità del Sistema di Bretton Woods, creato per fornire stabilità alla valuta e al commercio internazionale. Oggi dovrebbero ripensare a quale dovrebbe essere il loro ruolo. Dieci anni fa, il mondo è stato introdotto a Bitcoin, la prima criptovaluta decentralizzata adottata a livello globale. Oggi è ancora la più grande criptovaluta tra un mare di oltre 3.000. Bitcoin e criptovalute forniscono al pubblico alternative ai sistemi monetari e finanziari esistenti. Tuttavia, la crescente popolarità di Bitcoin e di altre criptovalute, ha messo il mondo centralizzato contro gli agenti del decentramento.

Legittimità e fiducia

Sebbene a questo punto Bitcoin non possa sostituire la fiat o tutte le sue istituzioni – e potrebbe non essere in grado di sostituirle mai – le ultime vestigia rimanenti di Bretton Woods stanno diventando meno rilevanti. La Banca Mondiale e l’FMI svolgono il loro ruolo di istituzioni internazionali, sostenute da articoli di accordo ai sensi del diritto internazionale e con 189 paesi membri. Tuttavia, si critica il fatto che trasformino i paesi a basso e medio reddito in “dipendenti da prestiti”. I critici pensano anche che queste istituzioni abbiano causato disastri attraverso l’adeguamento strutturale e le misure di austerità, e non hanno portato a termine le rispettive missioni.

Da parte loro, nonostante i progressi nell’accettazione delle criptovalute, c’è ancora scetticismo riguardo alla fiducia. Nel 2018, l’ex presidente della Banca Mondiale Jim Kim ha notoriamente commentato “In termini di utilizzo di Bitcoin o di alcune delle criptovalute, lo stiamo anche esaminando, ma mi è stato detto che la stragrande maggioranza delle criptovalute sono fondamentalmente schemi Ponzi”. L’amministratore delegato dell’FMI Christine Lagarde ha scritto sul potenziale utilizzo delle criptovalute per il terrorismo e il riciclaggio di denaro. Entrambi ignorano che il fiat è lo strumento principale che alimenta oggi gli schemi Ponzi, il terrorismo e il riciclaggio di denaro.

Appassionati di criptovaluta contro Fiat

Nel frattempo, i sostenitori delle criptovalute sostengono che non ci si può fidare delle valute legali. Hanno corso legale solo perché c’è fiducia nel governo che le dichiara, che può scomparire quando non c’è più fiducia nell’autorità. Le criptovalute cercano di eliminare il problema della fiducia attraverso la crittografia e la tecnologia di registro distribuito in modo decentralizzato. Costruire la conoscenza attraverso la trasparenza, elimina i problemi di fiducia perché tutti possono verificare cosa sta succedendo. La Fiat semplicemente non funziona così.

Centralizzazione vs decentralizzazione

L’eliminazione della fiducia nella DLT dipende da una rete decentralizzata in cui nessuna parte centrale ha il controllo sull’offerta di valuta, né sulla rete di computer per consentire loro di alterare il libro mastro. Valute come Bitcoin sono state progettate per evitare di concedere a un’autorità centrale il controllo sulla rete e sulle transazioni. Al contrario, il sistema monetario e finanziario internazionale dipende in larga misura dalla centralizzazione. Molti paesi hanno banche centrali. Le banche centrali sono l’unica autorità che può stampare moneta e controllare la sua offerta e in molti casi determinare la politica monetaria di un paese prendendo di mira o fissando i tassi di interesse.

Quando si parla di Banca Mondiale e FMI, sebbene abbiano riconosciuto il potenziale delle criptovalute in termini di inclusione finanziaria ed efficienza dei costi, sembrano favorire le “stablecoin” e le valute digitali emesse dalla banca centrale. Questo è diametralmente opposto all’etica di una criptovaluta decentralizzata.

Stabilità e volatilità

Infine, c’è la questione della stabilità e della volatilità. Uno degli argomenti a favore delle stablecoin e delle valute digitali della banca centrale è che la volatilità di Bitcoin e di altre criptovalute è rischiosa per gli utenti e potrebbe “amplificare i rischi del trading ad alta leva finanziaria” secondo Christine Lagarde. I sostenitori di Bitcoin d’altra parte sosterrebbero che le valute legali sono intrinsecamente instabili, e c’è la questione del ruolo del FMI come agente stabilizzante dopo la fine del gold standard e la caduta del sistema di Bretton Woods nel 1973.

Lo sguardo al futuro è pieno di domande: i paesi continueranno a tentare di immischiarsi nelle criptovalute attraverso regolamenti e leggi? L’emissione di valute digitali della banca centrale significherà la fine della crittografia decentralizzata? Le criptovalute decentralizzate possono sopravvivere a una spinta alla centralizzazione? In realtà, tutto ciò dipenderà da come le istituzioni di Bretton Woods reagiranno al loro ritardo tecnologico e da quanto possano essere trasparenti in modo verificabile rispetto alle criptovalute..

Previous Post
Plano de Bitcoin do Partido Pirata da Islândia
Next Post
Kraken и Poloniex се разбиха поради DDoS?