15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://harowo.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Volatilità dei bitcoin: cavalcare alti e bassi

volatilità del bitcoin cavalcando alti e bassi

Fin dal suo inizio, è stato difficile dare un prezzo al valore di Bitcoin in un dato momento. Questa risorsa ha generato abbastanza curiosità grazie al suo potenziale. Quella curiosità ha alimentato i prezzi in determinati momenti. L’aumento dei tassi di adozione ha anche sostenuto periodi di crescita dei prezzi. Aggiornamenti come SegWit ea volte anche altri livelli di pagamento come Lightning Network hanno catturato l’immaginazione degli investitori.

Ma il dubbio ha già sconfitto i vantaggi dimostrabili di Bitcoin prima. La lotta tra queste forze ha dato a questa risorsa unica, tassi di volatilità che sembrano irreali. Ecco come i possessori di Bitcoin hanno cavalcato alti e bassi e come ogni volta una forza diversa ha contrastato la tendenza inaspettatamente.

Trovare il prezzo giusto per Bitcoin

Quando si tratta di Bitcoin, la scoperta dei prezzi è un push and pull tra coloro che guardano ai fondamentali e quelli che guardano all’analisi tecnica. È anche un’espressione della lotta per l’identità di Bitcoin.

Cos’è Bitcoin? È una valuta P2P decentralizzata per il mondo digitale? È oro digitale? Dovrebbe essere una riserva di valore o dovrebbe essere usato come mezzo di scambio? Queste sono domande a cui gli investitori non sono stati in grado di rispondere pienamente, innescando così questa continua oscillazione dei prezzi che ormai ha avuto un andamento più al rialzo che al ribasso.

Se stai cercando di entrare in questo mercato terribilmente elettrizzante, puoi acquistare e scambiare BTC eToro, la principale piattaforma di social trading al mondo. Se non sei ancora del tutto sicuro, esplora il loro CopyTrader funzionalità che ti consente di visualizzare (e copiare) le operazioni effettuate dai migliori investitori sulla piattaforma.

Più mercati, meno volatilità?

Il numero di mercati attivi ha sicuramente avuto un impatto sull’andamento dei prezzi. È possibile vedere che come lo spazio dipende sempre meno da un singolo scambio; la volatilità può trovare a volte un intervallo più moderato.

Inizio Bitcoin movimenti di prezzo dal 2010 alla metà del 2011 servono a dimostrare questo punto. La mancanza di scambi, liquidità e concorrenza nel mercato, ha spinto i prezzi di Bitcoin a un massimo di $ 32 USD durante il periodo, prima che l’asset precipitasse di quasi il 94% a $ 2 USD. Nessun crollo dei prezzi è stato così doloroso come questo, o altrettanto insignificante col senno di poi.

Mt Gox

Ma anche se i prezzi aumentavano e il proselitismo spingeva migliaia e migliaia verso i pochi scambi esistenti, la centralizzazione degli scambi e la mancanza di comprensione dell’asset sottostante avrebbero provocato quello che è stato probabilmente il crollo dei prezzi più famigerato fino ad oggi..

Ci sono stati 2 arresti anomali minori tra il 2011 e il 2013. Entrambi sono stati eclissati dall’hacking del Mt Gox, che ha provocato un crollo dei prezzi dall’allora insondabile massimo di $ 1.200, a un minimo di soli $ 150 nel gennaio 2015.

Cosa abbiamo imparato dall’hack di Mt Gox?

Questo hack è stato significativo a causa della natura della crescita di Bitcoin che lo ha portato. Mt Gox era lo scambio principale all’epoca, con circa il 75% del volume di scambi di Bitcoin all’epoca. Gli hacker hanno rubato circa 850.000 monete, un equivalente in dollari di circa 450 milioni di dollari all’epoca.

Ciò ha messo in luce i seguenti punti deboli del sistema:

  • Sebbene Bitcoin fosse e rimanga altamente resistente agli hack, gli scambi sono il ventre molle dell’ecosistema che supporta i prezzi di Bitcoin.
  • Man mano che l’adozione cresceva, meno acquirenti di Bitcoin capivano i fondamenti tecnici dietro l’asset.
  • Hanno lasciato le loro monete in borsa – è allora che il detto “non le tue chiavi non le tue monete” avrebbe dovuto davvero penetrare nella psiche degli acquirenti di Bitcoin.
  • Bitcoin ha perso improvvisamente il suo splendore nelle menti di molti per le ragioni sbagliate.

Recupero dei prezzi di Bitcoin

Ci sono voluti quasi 4 anni a Bitcoin per tornare al suo massimo storico di $ 1.200 USD. Quando lo ha fatto nel 2017, si profilavano cambiamenti fondamentali che minacciavano il progetto. SegWit e il disaccordo sulla dimensione del blocco con un fork imminente, hanno spinto l’incertezza a livelli senza precedenti.

Bitcoin biforcato, SegWit è stato implementato, Bitcoin Cash – BCH – è nato (e finora non è riuscito a minacciare il dominio di Bitcoin) ei prezzi hanno continuato a salire, quasi miracolosamente. Nello stesso anno, intorno alla metà di dicembre, i prezzi dei Bitcoin hanno raggiunto un nuovo massimo storico, arrivando a poco meno di $ 20.000 USD per moneta.

Minimi più alti

Poi, quando tutto sembrava essersi stabilizzato e le divergenze interne sono state risolte, gli investitori hanno incassato. I prezzi dei bitcoin sono scesi a un minimo di circa $ 3.000 e non hanno raggiunto nuovamente il livello di $ 20.000 USD.

Il più vicino che hanno ottenuto è stato a luglio 2019, quando i prezzi hanno raggiunto il segno di $ 13.000 USD. Ma l’ottimismo si è presto placato e Bitcoin è sceso. Da allora ha oscillato, cercando di mantenersi al di sopra del segno a 5 cifre.

Le buone notizie

Nonostante il fatto che siano già passati 2 anni e pochi mesi da quel massimo di $ 20.000 USD, la buona notizia è che i prezzi di Bitcoin non sono regrediti al di sotto di quel minimo di $ 3.000. Anche durante il mercato ribassista, Bitcoin ha resistito e ora è inferiore del 70% rispetto a dicembre 2017, nonostante la pandemia di Coronavirus che ha gettato l’economia globale nel caos.

Sembra che i fattori esogeni legati all’incertezza economica generale abbiano un effetto limitato sui prezzi dei Bitcoin. Questa è un’ottima notizia per un asset che dovrebbe fornire alle persone una copertura dai pericoli del sistema bancario a riserva frazionaria sostenuto dalla fiat. Bitcoin in questo senso sta mostrando resilienza.

Rimbalzare

Gli hodlers di lunga data concorderanno. Bitcoin è sempre riuscito a riprendersi a massimi senza precedenti, da crolli imprevisti dei prezzi. Se la storia può in qualche modo darci un’idea di ciò che riserva il futuro, un prezzo di Bitcoin a sei cifre potrebbe essere nelle carte se Bitcoin riuscisse a resistere alla tempesta del Coronavirus.

Una cosa rimarrà costante: la volatilità. Sebbene sia stato notevolmente ridotto – i crolli dei prezzi di Bitcoin sembrano essere progressivamente più moderati – la volatilità continuerà a renderlo un asset ad alto rischio per coloro che sono ancora alla ricerca di profitti legali in un sistema che è stato creato per fornire un’alternativa alle stesse valute in cui tali profitti sono denominati.

Previous Post
Guerra civil Bitcoin: a legitimidade é a primeira vítima
Next Post
5-те най-големи биткойн измами за всички времена